Consiglio Comunale del 1 luglio 2009 - Continua

riprendendo gli argomenti del consiglio comunale, dopo l'approvazione del PIANO delle Opere Pubbliche i consiglieri hanno esitato il CONTO CONSUNTIVO dell'Anno 2008.
il conto consuntivo, ricordate si tratta di un resoconto alla lira di quanto speso nell'anno precedente, delle somme effettivamente entrate e di quanto eventualmente è rimasto in CASSA. ques'ultimo dato viene comunemente chiamato AVANZO.
il Comune di Joppolo, per il 2008, registraun AVANZO di .......... una bella cifra se consideriamo la crisi economica che c'è in atto.
dopo diversi interventi il Consuntivo viene approvato.

si passa al punto successivo che è l'approvazione del BILANCIO PREVISIONALE 2009.
Il Bilancio rappresenta è uno degli strumenti più importante dell'azione amministrativa. attraverso di esso è possibile pianificare servizi e obblighi di interesse pubblico. il bilancio del comune di joppolo è un bilancio fortemente caratterizzato da un forte costo da sostenere per gli stipendi dei dipendenti, poi ci sono i costi di gestione degli immobili che sono altrimenti cospicui... e poi di quà e di là ci sono modeste somme da destinare per i servizi ai cittadini e per le festività.
diversi sono stati gli interventi della maggioranza e della minoranza. l'assessore al bilancio non ha avuto modo di relazionare il Bilancio come avrebbe voluto fare. diverse le considerazione che la minoranza ha fatto su vari capitoli di spese dove si rilevava un somma spoporzionata rispetto alle esigenze per altre finalità e per le quali non venivano previste somme.

singolare è stato la sorpresa degli amministratori e della maggioranza quando si chiedeva il perchè non erano previste somme per le indennità per gli assessori e per il presidente del consigliocomunale. gli unici che percepiscono le indennità sono il Sindaco e il ViceSindaco.
il presidente dichiara che non prende soldi in quanto un accordo politico fatto in campagna elettorale dice proprio questo.
la richiamata norma della Legge regionale 22/2008 dove si prevede la possibilità che un assessore possa prendere anche l'indennità di responsabilità della gestione degli atti amministrativi che vengono esperiti durante il proprio incarico suscita perplessità nel Sindaco. quest'ultimo, infatti, sottolinea quanto sia importante che la responsabilità di gestione sia ben separata da quella politica. rispetto a questa considerazione credo che utile ed opportuno in un altro momento entrare nel merito di questa considerazione sia perchè capire meglio lo spirito della norma della LR 22/2008, sia per capire quale siano oggi le esigenza della politica amministrativa. questo lo dico perchè su questo argomento l'intervento dell'assessore Giglione in consiglio comunale è stato molto significativo. questa interpretando malissimo il dire del Carrubba, affermava che "percepire l'indennità di carica è il giusto riconoscimento per l'impegno e il risultato che ciascun assessore ha assunto in seno all'amministrazione". da questo dire è stato chiaro l'intendimento dell'assessore che vuole percepire l'indennità per i servigi che rende alla collettività... ma poi la discussione non ha seguito in quanto il Carrubba rifiutandosi di ascoltare la Giglione è uscito dalla sala del Consiglio.
la discussione del bilancio continua fino alla presentazione di un emendamento del capogruppo di maggioranza che propone di impinquare la somme dell'Avanzo non ancora applicata al Bilancio per un ammontare di €40.000 sui capitoli relativi alle attività culturali, € ......, attività sportive € 3000, impianti di illuminazione €..........., ..... € ....... .
la minoranza propone anche i suoi emendamenti che rispetto alla maggioranza sono state presentate una per ciascuna prosta di variazione. quattro emendameni intendono prelevare dall'avanzo dall'avanzo non apllicato al bilancio somme da destinare per la Scuola Calcio € 1000, per progetti a disabili € 3000, per la squadra di calcio terza categoria € 3000, per ...... €....... . altri quattro emendamenti invece prevedevano l'attivazione di somme in entrata prelevandole dal fondo di un rediduo MUTUO attivatp nel 1998-99 destinandole: €150.000/00 per interventi di recupero dell'immobile comunale denominato "ARCU", € 50.000/00 per il recupero dell'immobile comunale ex Costanza da adibire a centro diurno per anziani e giovani, €50.000/00 interventi straordinario al depuratore per la copertura ombreggiata delle lettiere di asciugnamento di quanto vi si deposita uscendo dalle vasche Imofh, € 50.000/00.

il Carrubba, nq di capogruppo, sottolinea al civico consesso che a tutti i consiglieri di minoranza è ben chiaro che la minoranza medesima non ha i numeri per approvare i suoi emendamenti. La presentazione di questi emendamenti hanno e voglio avere un forte significato politico.

continua...

Posta un commento