Case Vecchie a Joppolo - Manifesto dell'Opposizione

Mizzanu o Commerciante ?

IL SINDACO VENDE LE CASE CHE NON HA!!!

“Chiunque decidesse di venire ad abitare a Joppolo vendiamo a prezzi bassissimi e concediamo in comodato d’uso gratuito le case del centro storico. Le domande entro il 31 agosto” Parola di Sindaco

Il Comune, non ha case da Vendere!

E’ proprietario solo di quattro immobili, interessati dal bando. Tutti da adeguare, se non addirittura da ricostruire. Uno di questi, addirittura, è sottoposto al vincolo della Soprintendenza (“Arcu”). La concessione in comodato d’uso gratuito è prevista solo per finalità di carattere turistico-culturale e condizionata alla ristrutturazione.

Ora, qualcuno si chiederà: perché il Sindaco ha pensato di lanciare tale notizia? Beh, i consiglieri comunali di minoranza non possono che esprimere una certa perplessità su quanto si è verificato.

Il Sindaco non può vendere quello che non ha! Il Comune, poi, non può acquistare “case” ed impegnarsi a rivenderle! L’Ente Comunale non è una agenzia immobiliare.

Ma non crediamo che il Sindaco possa assicurare per primo l’interesse dei proprietari, acquistando le loro case e, poi, magari cercando di vendere le stesse ad ipotetici acquirenti.

Il suo impegno sarebbe troppo sbilanciato a favore degli interessi economici di tali proprietari.

Inoltre: Quali fondi ha il Comune per acquistare queste case? Dov’è la pubblica utilità? Acquistare case vecchie è un investimento? E se non ci sono gli acquirenti che se ne fa il Sindaco di queste case vecchie che, ormai, non sono più case? Per ora acquistiamo e poi si vede? E se qualcuno volesse acquistare le case dal Sindaco a un prezzo più basso di quanto il Comune le ha acquistate, che cosa succederà? il Sindaco, pur di vendere, praticherà uno sconto rispetto al prezzo di acquisto o terrà le case cadenti? E la finalità pubblica dov’è? Perché i privati non comprano direttamente dai privati? Qual è la motivazione che giustifica l’acquisto da parte del Comune e la successiva rivendita ai privati? Che vantaggi ci sarebbero per la collettività?

Siamo convinti che il Sindaco si sia, già, reso conto dell’errore euforico in cui è caduto e che non proseguirà nel suo progetto immaginario frenando l’entusiasmo dei proprietari delle “case vecchie” e dei potenziali acquirenti.

Il Comune non può fare gli interessi dei privati, ma deve mirare al pubblico interesse!

Errare humanum est, perseverare divinum non est, sed … DIABOLICUM !!!

I Consiglieri Comunali di OPPOSIZIONE

Joppolo Giancaxio (Ag)
Posta un commento