Ato idrico: continua la battaglia dei comuni

da infoagrigento.it



martedì 07 luglio 2009
panepinto.JPGRiunione a Palermo del comitato dei comuni contrari alla privatizzazione dell'acqua: il dibattito si è chiuso con l'impegno, da parte di tutti i presidenti dei gruppi parlamentari, ad affrontare la problematica nel più breve tempo possibile Si è riunito oggi nella sala Gialla di palazzo dei Normanni il comitato dei comuni contrari alla privatizzazione dell'acqua . Un centinaio di amministratori locali ha partecipato all'incontro con il presidente dell'Ars, Francesco Cascio e con i presidenti dei gruppi parlamentari. Un incontro voluto per esporre i punti principali del ddl, di iniziativa dei Consigli Comunali che dovrebbe regolamentare la gestione pubblica delle risorse idriche in Sicilia.
"L'acqua è un bene primario – ha sottolineato il parlamentare regionale del Partito democratico, Giovanni Panepinto - e come tale non può essere affidato alla gestione privata. I comuni che hanno aderito al coordinamento – ha ricordato – hanno fatto di questo concetto il simbolo della battaglia inserendo nei propri statuti comunali il principio dell'acqua come bene comune e quindi privo di rilevanza economica. Sono molto soddisfatto – ha concluso il parlamentare - per la condivisione espressa da tutte le forze politiche presenti all'Ars".
Il dibattito si è chiuso con l'impegno, da parte di tutti i presidenti dei gruppi parlamentari, ad affrontare la problematica nel più breve tempo possibile. Un impegno condiviso dal presidente Cascio, che ha mostrato la disponibilità ad accelerare l'iter del ddl. 




Scarica Messenger gratis: comunica, divertiti e condividi rapidamente!
Posta un commento