Bonus Economico

Via libera dal consiglio al bando per il ripopolamento

di Salvo Di Benedetto

Il consiglio comunale di Joppolo Giancaxio, nel corso dell’ultima seduta, ha provveduto ad approvare il bilancio di previsione per l’esercizio in corso. Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Totò Lo Dico che ha pubblicamente ringraziato i consiglieri di maggioranza, che hanno consentito all’amministrazione comunale di poter operare a pieno regime, forte dell’approvazione dell’importante strumento finanziario. Nel corso della seduta il civico consesso ha esitato positivamente la delibera riguardante il bando inteso a favorire il ripopolamento di Joppolo, tramite una serie di iniziative, volute dal sindaco, e volte ad incoraggiare il trasferimento in paese di intere famiglie.

“Sono estremamente soddisfatto – ha dichiarato il sindaco Lo Dico – per il voto favorevole in consiglio, del provvedimento sul ripopolamento. Mi ha fatto piacere che anche l’opposizione, dopo le polemiche dei giorni scorsi (spero archiviate), abbia votato a favore, riconoscendo così la bontà della nostra proposta e soprattutto il fine, che mira esclusivamente alla ricerca di benefici e vantaggi per il paese e tutti i suoi abitanti. Da oggi dunque – ha aggiunto il sindaco – il provvedimento degli aiuti diventa operativo. Invito perciò, tutte le famiglie che abbiano intenzione di trasferirsi a Joppolo Giancaxio, di prendere visione del bando presso i nostri uffici e chiedere gli opportuni chiarimenti al nostro personale. In estrema sintesi possiamo però dire che tutti i nuclei familiari al cui interno ci sia un bambino in età scolare, se trasferiranno la loro residenza a Joppolo, riceveranno un assegno di 150 euro al mese, come contributo per l’affitto della casa, oppure come sgravio della rata del mutuo, qualora decidessero di acquistare l’immobile”.

Anche il presidente del consiglio Carmelo Scifo ha espresso la propria soddisfazione per l’approvazione del bando ripopolamento: “È importante – ha sottolineato Scifo – che in simili occasioni il consiglio si dimostri coeso, senza badare alle appartenenze politiche e guardi soltanto all’interesse comune. Mi auguro che anche in futuro, tale senso di responsabilità e la piena percezione del proprio ruolo istituzionale, prevalgano, come è giusto che sia, sugli interessi di bandiera”.


Posta un commento