Serenata di Domenico Azzaretto (1864 - 1944)

Attenzione: apre in una nuova finestra.

SERENATA

Picciuttedda 'nzuccarata

quantu fu l'amuri miu!

Ju t'amava cu gran disìu

e 'na gran sincirati

ora ora tu si' riturnata

neutrali e 'ndifferenti,

ma l'amuri miu pussenti

chi scurdari nun si pò.

Comu fu ca ti scurdasti

ddri munumenti prelibbati,

chiddri baci affezzionati

ora tu 'un minni dai cchiuù.


Oh curuzzu miu tesoru

pirchi si' accussì duru

comu frabbica di muru

rimuddari nun si pò.


fonte: voci della Memoria - 1996 comune di Joppolo Giancaxio
Posta un commento