Consiglio Comunale, nessuna aspersione!


splendida sorpresa al termine della seduta del Consiglio Comunale di oggi pomeriggio (11 luglio).

La prima seduta del CC dopo l'ordinanza TAR si è svolta con compostezza e con le solite velate tensioni  che hanno sempre contraddistinto le due fazioni consiliari.

la seduta è stata segnata da due ospiti inaspettati. infatti:

Il già Commissario CASCINO GIROLAMO MARCELLO, che nel periodo di sospensione del Consiglio Comunale ha sostituito il consiglio nelle sue funzioni, è stato presente in Consiglio Comunale per porgere un saluto e per depositare in segreteria una sua relazione circa un provvedimento che su segnalazione dei Consiglieri Comunali di Opposizione aveva sospeso, ma che per il quale non ha potuto adottare alcun provvedimento consequenziale  vista l'Ordinanza del TAR.

Il secondo ospite è stato don Angelo Portella che seppur disarmato dal suo secchiello di acqua benedetta completo di aspersorio ha chiesto di rivolgere un caloroso saluto al nuovo Consiglio Comunale e con la sua estrema umile semplicità non ha fatto suo monito a tutto il consiglio affinchè si lavori per il bene del paese superando divisioni e personalismi.

relativamente al punto all'ordine del giorno proposto dall'Amministrazione di approvazione del regolamento comunale sull'IMU il consiglio comunale ha deciso unanimamente il rinvio per una verfica di quanto è stato il gettito IMU al 18 giugno prima di variare le aliquote sulla prima e sulla seconda casa.

L'Amministrazione, nella sua proposta intendeva variare solo l'aliquota della prima casa (da 4*1000 al 2*1000, lasciando invece invaria quella della seconda casa al 7,60 per 1000).

l'opposizione intendeva condividera la proposta sulla prima casa , ma chiedeva la variazione dell'aliquota della seconda portando al 6*1000. il sindaco non consivideva questa posizione in quanto il gettito dell'imu sulla seconda a favore del comune si sareebbe ridotto di circa il 30-40%...

la mancanza di accordo tra maggioranza ed opposizione non poteva permettere comunque alla maggioranza di approvare la propria proposta in anche se durante la seduta erano in sei e l'opposione in cinque. per approvare un regolamento ci vuole una maggioranza assoluta non rispetto ai presenti ma rispetto agli assegnati cioè sette.

il consigliere capogruppo Costanza comprendendo bene le motivazione dell'opposizione e l'effettiva opportunità di rifletterci un pò su ha accolto la proposta del consigliere Capodicasa di rinviare il punto per una trattazione  successiva...





Posta un commento