Basta essere cristiani insipidi


Le parole di mons. Montenegro alla festa di San Calogero.

“Se c’è la mafia è anche colpa nostra”. E’l’estrema sintesi del duro monito lanciato oggi dall’arcivescovo di Agrigento Francesco Montenegro durante la Santa Messa nel Santuario di San Calogero. Monito che arriva  dopo la recente operazione antimafia che ha portato all’arresto di nuove leve e boss emergenti della mafia agrigentina. Un richiamo ai valori cristiani della vita. Un’esortazione ad abbattere il muro dell’omertà.  

 Basta essere cristiani insipidi, imbottiti di un buonismo che non cambia le cose e tanto meno i cuori. Liberiamoci da quegli atteggiamenti omertosi che fanno crescere la logica dei privilegi, delle amicizie che favoriscono i favori, le raccomandazioni, il non rispetto della norme. Abbattiamo e scardiamo questa mentalità che ormai impregna le nostre vie, i nostri palazzi, i nostri uffici, i nostri rapporti. Diventiamo finalmente cristiani che hanno a cuore la cultura del rispetto, della legalità, della giustizia sociale, della correttezza morale, a tutti i livelli dalla scuola alla politica, dalle famiglie alla sanità.

Posta un commento