ABITARE A JOPPOLO



ho penato di allegare nel post odierno questo grafico che indica il numero degli abitanti nei vari anni. lo faccio nel desiderio di suggerire di fare insieme una riflessione molto importante. è inevitabile che i vari momenti di evoluzione sociale ed economica hanno determinato significative varaiazioni demografiche in tutto il mondo, ma non riesco a capire bene perchè non riusciamo a fare sinergia in un paesepiccolo come il nostro ed attivare politiche di urbanizzazione così efficaci da compensare quello che inesorabilmente e naturalmente succede. andare via dal proprio paese per la ricerca di un lavoro, di una speranza per fare famiglia è stato, ed è, una consizione inevitabile per quello che oggi viviamo. non riesco però a capire perchè le strategie inteligenti non vengano pensate e condivise da tutti i coloro i quali sono presenti nelle istituzioni locali per la tutela e l'integrità culturale-storica-economica di questo benedetto paese. con la legge 133/2008 "Gelmini" credo che il quadro comincia a definirsi molto bene. il comune di joppolo chiuderà tutte le sue porte. già non abbiamo una banca, il servizio dell'ufficio del lavoro è minimale e relegato ai confini del centro abitato, fra poco niente guardia medica, prossimamente di sicuro niente più scuole!!! e noi che facciamo??? la politica della divisione e dello sfascio. una divisione che sicuramente giova a chi trae molto vantaggio di tutto ciò. quei pochi che gestiscono le fila e lasciano che i soldi pubblici vengano spesi senza molta oculatezza per il futuro. nella scorsa variazione di bilancio sono stati stornati 13.000 euro per la pubblica illuminzione. quante lampadine dobbiamo mettere a joppolo? non hanno pensato a mettere 500 euro per una gita che la scuola ha pensato di fare i ragazzi a Caltagirone. l'istruzione e la formazione non illuminano il paese, ma pesano sul bilancio!!!
comunque tornerò a chiacchierare di queste cose sperando che qualche altro dica la sua...
ps.grazie per quanti hanno già lasciato saluti e commenti nel post precedenti.
Posta un commento