Lombardo quater, clamorosa indiscrezione: Massimo Muglia assessore.

massimo muglia1 150x150 Lombardo quater, clamorosa indiscrezione: Massimo Muglia assessore. Bonomo vicesindaco di Agrigento?  

A poche ore dal varo del quarto governo Lombardo da Palermo arrivano indiscrezioni che, se confermate, potrebbero aprire scenari inimmaginabili nel panorama politico agrigentino e non solo. Di sicuro c’è che il vice sindaco di Agrigento, Massimo Muglia, l’ ”ideologo” della scalata di Marco Zambuto, a Palazzo dei Giganti, con lo slogan “Agrigento al di sopra dei partiti” sarebbe finito nella lista dei papabili assessori del nuovo governo regionale.
Massimo Muglia entrerebbe come tecnico in quota Udc – area Casini. Dietro l’operazione politica ci sarebbe proprio lo zampino del sindaco di Agrigento, Marco Zambuto, che dopo l’ammiccamento con il Pdl sembra più che mai deciso a riabbracciare Casini, il quale gli assicurerebbe la tanto agognata candidatura a Roma o a Palermo. Dopo la fuoriuscita, in polemica con la linea politico – programmatica dettata da Pierferdinando Casini, dello zoccolo duro dell’Udc siciliano a Roma (Mannino, Romano, Cuffaro e Ruvolo), Zambuto avrebbe di fatto il via libera per una candidatura.  Casini dopo aver preso atto dell’abbandono dei parlamentari siciliani (c’è da attendere il discorso in aula del premier Berlusconi in programma il 28 settembre) sta cercando di limitare i danni affidando la leadership del partito nella Sicilia occidentale proprio al sindaco di Agrigento Zambuto mentre sul versante orientale potrà contare sul sostegno del senatore messinese Giampiero D’Alia. Zambuto, secondo i calcoli di Casini, dovrebbe togliere voti e consensi all’asse Mannino, Cuffaro Ruvolo. Impresa più che ardua.
Casini, quasi certamente, entrerà a far parte del Lombardo quater ed è in questo scenario che nella trattativa  sarebbe sceso in campo il sindaco di Agrigento proponendo il nome di Muglia. Se non ci fosse stata la rottura con i dissidenti siciliani il posto in giunta, destinato come sembra a Muglia, sarebbe andato a Maria Grazia Brandara,  consulente del gruppo Udc al  Senato per le problematiche inerenti la gestione dei beni confiscati alla mafia. L’ex sindaco di Naro ha tuttavia confermato pieno appoggio e sostegno a Calogero Mannino che oggi, tra le altre cose, ha annunciato la possibilità di creare un nuovo partito con i transfughi dello scudo crociato.
Rimarrebbe scoperta, a questo punto, la delega di vicesindaco al Comune di Agrigento. Sembrerebbe che in pole position ci sarebbe Maurizio Bonomo, pupillo del senatore Adragna che ormai da mesi chiede un ampliamento del Pd nella Giunta Zambuto.
Posta un commento